Pubblicato il

Windows 8: la morte del pc?!?

Windows 8 Beta, al secolo Consumer Preview, sistema operativo (successore diretto di windows 7) è stato interamente ridisegnato. Microsoft, rivoluziona la grafica desktop a cui tutti eravamo abituati e stravolge l’esperienza utente, utilizzando la “Metro Design”, già nota a molti su Windows Phone e Xbox 360, in contemporanea al vecchio Desktop a cui tutti eravamo così enormemente affezionati. Sembra infatti d’avere a che fare con due piattaforme integrate fra di loro. Utilizzando Mouse e Tastiera, gli input device più gettonati negli ultimi 25 anni, può capitare anche all’utente più esperto si sentirsi totalmente rincoglionito le prime due ore nell’usare il nuovo S.O. del colosso di Redmond. Dalla prime impressioni, il futuro Windows 8, potrebbe risultare la morte del pc come lo conosciamo.

Dopo quattro giorni d’utilizzo, su un Notebook vecchiotto, quindi senza il supporto del touch, sono rimasto impressionato riguardo l’installazione e la configurazione del sistema, il tutto fatto in venti minuti, la prova è fatta su un sony vaio PCG-GRT785E, che si potrebbe definire una macchina obsoleta, ma Windows 8 riconosce quasi tutto nativamente, solo per l’audio ho dovuto smanettare un po’, la scheda video per la quale la nvidia non rilascia più driver per i nuovi O.S. viene riconosciuta alla perfezione e cosa ancora più incredibile anche le trasparenze e areo vanno alla grande, quindi possimo dire che dopo l’installazione il computer e quasi interamente fruibile, operazioni che senza tanti smanettamente anche utenti meno esperti possono fare. Ma c’è di contro che l’approccio alle funzioni anche più basilari del sistema risulta sgradevole e macchinoso, la mancanza di cui più si risente e senz’altro il menù start (trasformato nel menù Metro) che era per la maggior parte delle operazioni più frequenti un punto di riferimento. Molto scomodo anche il salto da Desktop a Metro che spesso capita sbalzandoti di qua e di la, per ascoltare un mp3, vedere un video o leggere una e-mail, bisogna quasi riimparare l’utilizzo di una nuova interfaccia utente, a mio avviso molto scomoda per chi come me con il computer ci lavora.

Lascia un commento